Irene Casaccia – Arte 2.0 Collaborazioni e nuove Prospettive

Irene Casaccia

Metti un semplice messaggio per farmi pubblicità,metti una frase di risposta :- ehi che dici di collaborare io e te?

Simona Tribuiani

Metti due donne che sanno quello che vogliono anche se i loro mondi sono opposti.
Scechera bene e ottieni un’idea che pian piano in testa iniziare a prendere vita, e così tra un’acqua tonica e un succo, le idee diventano certezze.

Una stretta di mano, come si usava una volta, ed ecco che nasce la mia collaborazione con l’azienda agricola Olio Monaco. Qualcuno si chiederà come può l’arte e l’agricoltura fondersi in un discorso collaborativo? Non starò qui ad annoiarvi con discorsi tecnici di merchandising, brand e targhettizzazione su come farsi pubblicità anzi di questo ne parleremo nel prossimo articolo.

Ve la faccio semplice! Mai dipinto “en plein air”? Io si! La natura è sacra per un pittore quanto lo possa essere per un coltivatore. E’ da essa che entrambi estrapolano la bellezza se pur in modi diversi.
Oramai mi conoscete, e sapete che amo le sfide qualunque esse siano anche se mi porteranno a lavorare duramente e per questa collaborazione, ho realizzato una serie di piccoli dipinti,dei veri e propri “cadeau”per i turisti e i clienti dell’azienda che oltre ad acquistare del buon olio, ricercano il bello nell’arte. Dai miei ricordi di viaggi, foto di amici fotografi, troverete nei miei dipinti una serie di paesaggi del nostro territorio e credetemi se vi dico, che sul discorso “Ulivi”,sono un’esperta!

Ma parliamo un po’ dell’azienda Olio Monaco e della sua proprietaria Simona Tribuiani. Conosco Simona da oramai sette anni, e avevo già sentito parlare della sua azienda ma non conoscevo bene la storia della nascita di Olio Monaco e allora quale miglior cosa di una vera e propria intervista?
Mentre ci prendiamo qualcosa da bere, inizio con una serie di domande. (neanche fossi una giornalista)

D. Quali sono stati i tuoi studi ?
R. -“Dopo il liceo scientifico, ho intrapreso Medicina Veterinaria alla facoltà di Teramo, in maniera brillante direi conseguendo una borsa di studio per merito. Ad un passo dalla laurea, mi sono presa il lusso di abbandonare tutto e abbracciare la strada che nel frattempo avevo intrapreso, ossia quella dell’azienda agricola .”
Mi guarda sorridendo e io intanto mi chiedo che ci vuole coraggio a mollare tutto ma trattengo questa domanda per la fine.
D. Chi conduce oltre te l’azienda?
R. -“Ad oggi la conduco in primis da sola e con l’aiuto di mio marito Mauro”
D. Come nasce Olio Monaco?
R. -” Nasce da una ricerca lunga, volevo un nome che cogliesse il centro, nulla di complicato ma di elegante e così un giorno partendo dal cognome di mio marito “Monaco”abbiamo deciso che facesse al caso nostro. Il nome per un marchio, un prodotto è fondamentale a livello di marketing.”
Penso che questa donna ha le idee ben chiare dalle sue risposte ma intanto continuo ad indagare. Mi piace sapere di più con chi lavorerò.
Arrivo alla domanda finale e mi tolgo questa curiosità.

D. –“Ma come si fa a mollare tutto ad un passo dalla laurea?
R. -“Sai questa mia passione per la terra non è nata così per caso, ma ha delle radici profonde. Mio nonno paterno era un mezzadro e da piccola lo ricordo nei campi ad arare, ricordo la sua pelle arsa dal sole e le sue mani, quelle mani che per anni hanno dato vita alla magnificenza di madre natura”.
La mia curiosità è stata a pieno colmata, dalla fierezza di una nipote che continua con orgoglio un mestiere: quello agricolo .
In un’era tecnologica, dove corriamo tutti come formiche impazzite dentro un formicaio, non vediamo ad un palmo dal nostro naso. Tutti con la testa abbassata su dispositivi tecnologici e non ci accorgiamo che le nostre terre stanno morendo, spariscono dietro costruzioni, nessuno coltiva più, nessuno vuol più proseguire le tradizioni … eppure se ci pensate bene ognuno di noi proviene da una tradizione, un passato, un “avo”.
Dovremmo tutti soffermarci più spesso, magari seduti sotto un ulivo con pane e pomodoro,spegnere i cellulari, togliere i tacchi, smollare la cravatta e respirare, semplicemente respirare la bellezza della natura.
Nessun pittore potrebbe fare meglio.

Irene Casaccia

Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

L’eloquenza espressiva di uno sguardo: le potenzialità comunicative dell’arte nel dipinto dal titolo “Blue eyes ” di Claudia Salvadori.

Claudia Salvadori – “Blue eyes”- tecnica mista 80 x 100

” Dopo tante figure femminili, l’artista concentra la propria attenzione su un volto maschile, dimostrando ancora una volta la sua capacità di svelare le caratteristiche di una personalità attraverso la raffigurazione delle fattezze e dell’espressione del viso. L’uomo rappresentato in questo dipinto ha degli occhi di un blu particolarmente intenso, la cui tonalità vivida e brillante ben si accorda con quella del turbante e delle vesti. Lo sguardo è deciso, fiero, intriso di un riflesso di profonda maturità interiore che deriva probabilmente dalla conoscenza della vita e delle sue leggi, e dalla consapevolezza di non aver voluto accettare dei compromessi.
Gli occhi, due fari azzurri che contrastano con l’abbronzatura dell’incarnato, sono un mare misterioso in cui confluiscono il ricordo nostalgico del passato e il desiderio di affrontare le avventure del futuro, di vivere nuove sfide e nuove esperienze.
I tratti del volto, come di consueto, sono messi in risalto dalla distribuzione magistrale della luce, che, unitamente alla tecnica particolare usata dall’artista, dona una grande intensità alla pelle e alle fattezze del soggetto rappresentato, creando uno straordinario connubio tra vivida evanescenza e plastica concretezza e facendo in modo che il personaggio e la sua storia acquisiscano quasi una vita propria.
I lineamenti dell’uomo si delineano nella loro marcata fisicità, ma, come del resto accade sempre nelle opere di Claudia Salvadori, è l’anima a prevalere sul corpo, è lo spirito ad emergere vittorioso dalla materia.
Il titolo del dipinto, nella sua semplicità, si accorda con la straordinaria sintesi espressiva che è il tratto distintivo dell’artista, capace di racchiudere in un solo sguardo un’anima, una storia, una vita intera.”


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Patrizia D’Anna – Ispirata da un mio scatto fotografico in vacanza in Sardegna

Patrizia D’Anna – Amici in vacanza – Acrilico su tela 100×80

“Ispirata da un mio scatto fotografico in vacanza in Sardegna . La signora anziana al centro è di Bologna che mi ha fatto ridere per due settimane con le sue barzellette! Simpaticissima! La ragazza con gli occhiali si chiama Irene DI Dato di Napoli troppo forte la ragazza con il costume arancione sarei io …”

Patrizia D’Anna

Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

L’artista Alba Marchetti omaggia il suo dialetto intitolando la sua opera “I Crap”

Alba MArchetti – I Crap

Ciao questa tela l ho intitolata I CRAP per omaggiare il mio dialetto,a cui tengo molto,e le mie montagne parte integrante del paesaggio dove vivo.In tutti i miei dipinti cerco di esprimere gioia e serenità,voglia di vivere.Sono creativa,sulle tele utizzo carta,filo, colla a caldo,bastoncini di cotone e infine le mie dita.Una passione nata dalla mia malattia,mi fa star bene.La tela misura 50×70 in acrilico.Prediligo ,però, i fiori a tutto tondo,in essi vedo la bellezza,la voglia di rinascere e i loro colori mi danno tanta serenità


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Il potere sottile e misterioso della seduzione nel dipinto di Claudia Salvadori dal titolo “Sherazade”

Claudia Salvadori – Sherazade – tecnica mista 40 x 50.

“In questo dipinto la luce, le cui potenzialità vengono come sempre magistralmente sfruttate al massimo dall’artista, svolge la consueta funzione rivelatrice, permettendoci di mettere a fuoco le forme di una figura femminile la cui misteriosa sensualità trabocca delicatamente, restando appena accennata. Il manto vellutato dei drappeggi scuri che avvolgono il petto e il capo della donna si unisce ai bagliori splendenti che riscaldano la pelle: un riferimento, presente anche nel titolo del dipinto, alla segretezza della notte e delle sue lusinghe, ma anche alla complessità dell’universo femminile, oscuro e denso come un oceano impenetrabile, e insieme luminoso come uno scrigno di tesori che rivela la sua bellezza solo ad alcuni, obbedendo ai sussurri del cuore e all’intima necessità di vivere la propria sessualità con indipendenza.
Questa figura di donna, le cui connotazioni esotiche e orientaleggianti ci ricordano le seducenti suggestioni delle odalische di Ingres, è permeata da un erotismo lieve e delicato, che trova nel gesto delle mani, nell’inclinazione del volto e nello sguardo obliquo e incastonato dalle lunghe ciglia, la raffigurazione di una sensualità preziosa e sussurrata nell’oscurità. All’immaginazione dell’osservatore viene evocata l’immagine di una notte fiabesca riscaldata dagli incontri segreti degli amanti, e profumata da intense fragranze che restano indelebili sulla pelle, svelata nella sua perfetta bellezza e subito dopo ricoperta dal manto discreto del silenzio.”


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .