Antonella Preti modella per alcuni scatti fotografici di Fabrizio Gatta.

Antonella Preti per TASA e Femminilità Nelle Dimore Storiche presso fondazione Achille Marazza Borgomanero

“Ballando” L’opera di Claudia Salvadori recensita da Irene Pazzaglia. Olio su Tela 100/50

“Due corpi, le cui membra riempiono lo spazio con grande concretezza plastica e, al tempo stesso, scioltezza e fluidità di movimento, sono avvinghiati l’uno all’altro in un abbraccio tenero e passionale, creando con la sinuosità delle braccia e delle gambe una figura di danza. È un ballo intenso e coinvolgente che mostra i due amanti nell’apice dell’estasi amorosa, nel momento in cui il desiderio spasmodico del corpo amato, della sua pelle, del suo respiro si trasforma in un’unione simbiotica e ancestrale, profonda e indissolubile. È la donna a stringersi all’uomo, con una sorta di fervido trasporto che forse ospita dentro di sé il timore dell’abbandono, tale da farle desiderare che l’oggetto del suo amore resti sempre con lei, avvolto dalle sue braccia e dai suoi lunghissimi capelli, i quali, delineando lo spazio esterno, sembrano formare una sorta di nido destinato a proteggere il legame dei due amanti.”


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

“La Scala di Marmo” il libro in uscita di Alessandra Ceccanti

LA FIDUCIA
L’immagine di una scala può suggerire l’idea di un percorso in salita o in discesa a seconda dello stato d’animo della persona che osserva; direi che nel caso di Alessandra Ceccanti l’impressione non possa che essere quella dell’ascesa.

Per chi come me ha avuto l’opportunità di osservare il crescendo della sua autocoscienza, della disinvoltura che ha progressivamente acquisito davanti all’obiettivo della macchina fotografica e addirittura il manifestarsi delle sue capacità di fotografa, la conclusione può essere solamente una: ha trovato una se stessa che ancora non conosceva.

Attualmente la parola autostima è inflazionata, vengono organizzati corsi per potenziarla, è presente in ogni discorso, trasformando quello che è un sottile lavoro psicologico in una specie di gara, consona alla società competitiva nella quale viviamo. Personalmente ritengo che spesso non venga colto appieno il valore di una esperienza quale l’acquisizione della coscienza di sè, come processo intimo, interiore che, una volta completato, non ha necessità del consenso esterno.

Raramente tutto ciò avviene spontaneamente; l’interrelazione tra il soggetto e un’altra persona, o più di una persona, costituisce l’elemento scatenante che porta in superficie ciò che esisteva nascosto nei recessi della personalità. E altrettanto raramente ciò avviene all’interno di una famiglia, nella quale i ruoli e le responsabilità tendono a non rilevare o a mettere in secondo piano eventuali capacità preziose.

Parlare di autostima quindi implica, nella maggior parte dei casi, la presenza di “Qualcuno” che veda oltre le apparenze, che sappia stabilire un contatto e soprattutto ispirare fiducia. Ed ecco che arriviamo a questa parola molto più profonda e bella perchè implica un rapporto umano corrisposto, per il quale non è possibile rifarsi a presupposti razionali e che, a sua volta, genera tutta una serie di conseguenze positive.

Per Alessandra Ceccanti e Fabrizio Gatta il tramite è stato uno strumento inanimato che però, nelle mani giuste, riesce a leggere l’anima, ma soprattutto il clima di reciproca fiducia che si è creato tra queste due persone e che ha consentito l’affiorare della personalità espressiva di Alessandra.
Trovo che in questo caso la parola autostima acquisisca un valore molto più profondo di quello che comunemente le si attribuisce; è la nascita di ciò che portiamo in gestazione dentro di noi, fa parte di ciò che siamo e spesso siamo i primi a sorprenderci di qualità che non sapevamo di possedere.

E, particolare non secondario, è a sua volta generatrice di consensi, il che costituisce una specie di circolo virtuoso. Ricordo bene le prime foto in cui Fabrizio Gatta stava cogliendo ciò che Alessandra non sapeva ancora di essere: sicuramente lei per prima sarà stata sorpresa di vedersi con gli occhi altrui, ma progressivamente si è creata quella simbiosi fotografica che può nascere solo dalla completa e vicendevole fiducia ed ecco che è nata una nuova donna, consapevole di sè nei valori e nei limiti, una persona che ora può affermare di far parte delle “Donne che corrono con i lupi”.
Marilena Cheli Tomei Maggio 2019


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Barbara De Santis per i due progetti ” T. A S. A. e “FEMMINILITÀ NELLE DIMORE STORICHE “

Nelle immagini scattate dal fotografo Fabrizio Gatta vediamo Barbara De Santis per i progetti T.A.S.A e Femminilità nelle Dimore storiche Teatro Piccinni Bari.


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

APERTE le ISCRIZIONI per la PROSSIMA mostra ” i 5 SENSI” dal 1 al 13 Giugno Galleria Art Saloon, Ariccia (RM)

Le opere dovranno rappresentare uno dei 5 SENSI : olfatto, vista, udito, tatto, gusto
oppure più di uno, a seconda del vostro estro.

Immaginate di accarezzare il pelo morbido del vostro cucciolo
immaginate magari di pulire la lettiera
oppure di guardarlo in quei suoi languidi occhioni
mentre gli versate una ricca ciotola di croccantini e lui 
tutto felice fa quei versetti gioiosi che noi tanto adoriamo
ecco , adesso li avete tutti i 5 sensi
BUON LAVORO !

✔️ le adesioni andranno confermate entro il 27 MAGGIO
inviando le foto delle opere e di un proprio documento alla mail artsaloongallery@gmail.com
✔️ le opere andranno consegnate presso la Galleria Art Saloon, Piazza Domenico Sabatini 18 Ariccia
ENTRO IL 30 MAGGIO


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .