Pubblicato il

Luci in Avalon Quarta Edizione

Prezzi agevolati per i membri ArteManufatti !
A Salerno aperto il bando per la quarta edizione dell’Expo d’Arte Contemporanea “Luci in Avalon”, che si terrà nel prestigioso Palazzo Fruscione
È stato aperto il bando per partecipare alla quarta edizione dell’Expo d’Arte Contemporanea “Luci in Avalon”, organizzata dall’Associazione Culturale “Avalon Arte” di Salerno. Le adesioni per le selezioni scadranno a completamento degli spazi espositivi e comunque entro e non oltre il 15 dicembre 2016.
Si tratta di vere e proprie mini personali, ogni artista potrà esporre fino a sette opere selezionate dalla commissione in base alle dimensioni delle stesse ed alla disponibilità dello spazio espositivo
La manifestazione, che si terrà dal 7 al 21 gennaio 2017 durante il grande evento delle Luci d’Artista, ha una location affascinante e prestigiosa: Palazzo Fruscione, struttura nel cuore antico e pulsante della città.
Situato nella zona più antica del centro storico di Salerno, precisamente tra via Adelberga e Vicolo Santa Maria dei Barbuti, PALAZZO FRUSCIONE è stato edificato nel corso del XIII secolo.
Il fascino storico e artistico è dovuto alla sua architettura e alla conservazione di resti di un edificio normanno
Considerato uno dei monumenti architettonici più prestigiosi di Salerno, nel 2013 è stato “restituito” alla pubblica fruizione dopo 4 anni di una campagna di restauro conservativo, che ha ripristinato la staticità dell’edificio evidenziandone la bellezza.

L’esposizione è aperta a tutti, anche ai minori ed è a tema libero. Sono previste le categorie della pittura, scultura e arte fotografica. Il regolamento completo può essere chiesto a mezzo dei social network o via mail:
avalonartesalerno@gmail.com

Pubblicato il

Rita Celona

ArteManufatti - Rita Celona
Rita Celona

Rita Celona
Pittrice nata a Palermo nel 1971, vive a Galliate (No) dal 1973.
Autodidatta, dal 2010 al 2013 è stata affiancata da un maestro d’arte contemporanea per perfezionare l’abilità nell’olio su tela, mentre dal 2013 al gennaio del 2015 si è affidata agli insegnamenti di un maestro iperrealista.

Appassionata d’arte fin dall’infanzia, dipinge utilizzando diverse tecniche e svariati stili. Nel 2013, in concomitanza con i primi approcci alla pittura iperrealista, decide di iniziare ad esporre le sue opere in alcune collettive a Novara (Trofeo Gaudenziano, Centro culturale La Riseria, Palazzo Tornielli), Uboldo (Gall. Weart), Ispra, Maggiora, Gravellona Toce ,Torino,Genova e 1 biennale di Mira a Venezia .

Ha ottenuto un riconoscimento alla 1ª estemporanea organizzata da SOMS Maggiora grazie ad un’opera materica. «La femminiltà che permea le opere di Rita Celona è spavalda, temeraria, forse un po’ beffarda. Celona rivela un’anima pop, dai toni sfacciati e materialisti, che non teme di rappresentare il mondo per quello che è, in bilico tra un consumismo sessualizzato, in cui il corpo della donna è da tempo un ammaliante strumento per attirare sguardi più o meno innocenti, ed un genio femminile sempre più combattivo, autonomo ed indipendente.» (V. Cracas)