“Fiore di passiflora” è l’opera di Claudia Salvadori partecipa alla prestigiosa rassegna d’arte, che si sta svolgendo presso il museo di stato Vernadski a Mosca

Claudia Salvadori – “Fiore di passiflora” – tecnica mista 50 x 70

Osservando questo dipinto si viene trasportati nel passato, come se si aprisse una finestra sulla rappresentazione di storie antiche e di suggestioni fiabesche, e allo stesso tempo si viene catturati da una dimensione spirituale e simbolica, che permea di sé tutta l’opera. Claudia Salvadori fa un uso magistrale della luce e della materia, fondendole insieme e mettendo l’una a servizio dell’altra per rendere reali i riflessi dello spirito, come se essi divenissero tangibili. Ad essere stata dipinta, colta nella sua spontanea purezza, è l’anima della protagonista del dipinto, che ricorda nella carnagione chiara, nei tratti delicati e nell’espressione assorta le figure femminili del pittore olandese Jan Vermeer. Le stoffe sono rese in rilievo grazie all’uso del materico; per mezzo di questa tecnica particolare ciò che è etereo ed evanescente può acquistare concretezza, come se l’essenza impalpabile di un angelo si fosse trasferita in un corpo di carne.
La giovane donna del dipinto, infatti, è una creatura celestiale trasportata in una dimensione terrena.
La veste candida e impregnata di luce indossata dalla fanciulla, attraversata da glaciali riflessi azzurri, rimanda alla purezza della neve. La castità e il candore virginale sono le caratteristiche principali di questa figura femminile, il cui capo è avvolto in uno spesso velo e il cui busto è stretto nelle vesti sino alla gola. Oltre al viso, l’unica parte del corpo destinata ad emergere dalla prigionia delle stoffe monacali è la mano, una mano eterea ed evanescente che sorregge un fiore di passiflora, associato simbolicamente alla passione di Cristo e alla fede religiosa. La giovane, ritratta in atteggiamento contemplativo, potrebbe essere la personificazione di una delle virtù teologali che invita chiunque la stia osservando ad un’esistenza di preghiera, contemplazione e meditazione, e ad anelare la semplicità e l’umiltà del sacrificio di Cristo.”

Quest’opera di Claudia Salvadori partecipa alla prestigiosa rassegna d’arte, dedicata all’arte italiana contemporanea, che si sta svolgendo presso il museo di stato Vernadski a Mosca, nel periodo compreso tra il 24 al 29 settembre 2019.
La recensione dell’opera a cura della dott.ssa Irene Pazzaglia.


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Le opere di Claudia Salvadori esposte a Mosca presso il Museo di stato Vernadski.

Claudia Salvadori

“Dal 24 al 29 settembre 2019 si svolgerà a Mosca, presso il Museo di stato Vernadski, la prestigiosa rassegna dedicata all’arte italiana, testimonianza della grande attenzione che la Russia dedica al panorama artistico contemporaneo del nostro Paese.
Claudia Salvadori, a conferma del suo operato e della sua fama a livello internazionale, si presenterà all’esposizione con alcune delle sue bellissime opere, accomunate dall’appartenenza e dall’ispirazione al tema filosofico del velo di Maya, e dalla rappresentazione di figure femminili inserite in un’atmosfera impalpabile intrisa di simbolismo che sfocia nel sogno e nella percezione onirica e concettuale della realtà.
Ciascun dipinto sarà affiancato da un commento – tradotto in russo – scritto dalla dott.ssa Irene Pazzaglia.


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

La poetica artistica di Claudia Salvadori vista da Irene Pazzaglia

Claudia Salvadori – “Blue eyes”- tecnica mista 80 x 100

“Nelle opere di Claudia Salvadori la grande raffinatezza stilistica si affianca ad una straordinaria sintesi espressiva, che permette di concentrare nell’intensità di uno sguardo e nelle fattezze di un volto una serie di contenuti ideologici, metaforici ed introspettivi.
La tecnica dell’artista trova il suo punto di forza nell’ uso sapiente della luce.”

Claudia Salvadori – “Open your eyes” – tecnica mista 50 x 60.

“Grazie al contrasto chiaroscurale e alla resa materica dell’incarnato, i tratti somatici delle figure vengono cesellati finemente, come se essi emergessero dal buio insieme alle verità di cui sono portatori.
La luce, che penetra nella pelle e nelle carni fino a renderle quasi vive, diviene strumento di rivelazione dell’animo umano, i cui dilemmi interiori ci vengono solo parzialmente svelati. L’osservatore, infatti, viene avvinto dall’ intensità di sguardi che penetrano direttamente nella sua anima, lasciandogli intuire e immaginare passioni, tormenti interiori, brandelli di storie passate.”

“Violinista” di Claudia Salvadori

“È il mondo femminile la fonte principale dell’ ispirazione di Claudia Salvadori, che rappresenta donne misteriose piene di fascino e sensualità, i cui corpi sono intrisi di un erotismo primordiale e raffinato allo stesso tempo, mentre i volti, intessuti di luminosità e caratterizzati da sguardi profondi e carichi di pathos, celebrano la vittoria dello spirito sulla carne, donando ai soggetti interpretati un soffio di tormentata eternità”.

Claudia Salvadori – Sherazade – tecnica mista 40 x 50.
La Colpa di Eva – Claudia Salvadori
Claudia Salvadori – “Luce”-tecnica mista 50 x 70

Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

L’eloquenza espressiva di uno sguardo: le potenzialità comunicative dell’arte nel dipinto dal titolo “Blue eyes ” di Claudia Salvadori.

Claudia Salvadori – “Blue eyes”- tecnica mista 80 x 100

” Dopo tante figure femminili, l’artista concentra la propria attenzione su un volto maschile, dimostrando ancora una volta la sua capacità di svelare le caratteristiche di una personalità attraverso la raffigurazione delle fattezze e dell’espressione del viso. L’uomo rappresentato in questo dipinto ha degli occhi di un blu particolarmente intenso, la cui tonalità vivida e brillante ben si accorda con quella del turbante e delle vesti. Lo sguardo è deciso, fiero, intriso di un riflesso di profonda maturità interiore che deriva probabilmente dalla conoscenza della vita e delle sue leggi, e dalla consapevolezza di non aver voluto accettare dei compromessi.
Gli occhi, due fari azzurri che contrastano con l’abbronzatura dell’incarnato, sono un mare misterioso in cui confluiscono il ricordo nostalgico del passato e il desiderio di affrontare le avventure del futuro, di vivere nuove sfide e nuove esperienze.
I tratti del volto, come di consueto, sono messi in risalto dalla distribuzione magistrale della luce, che, unitamente alla tecnica particolare usata dall’artista, dona una grande intensità alla pelle e alle fattezze del soggetto rappresentato, creando uno straordinario connubio tra vivida evanescenza e plastica concretezza e facendo in modo che il personaggio e la sua storia acquisiscano quasi una vita propria.
I lineamenti dell’uomo si delineano nella loro marcata fisicità, ma, come del resto accade sempre nelle opere di Claudia Salvadori, è l’anima a prevalere sul corpo, è lo spirito ad emergere vittorioso dalla materia.
Il titolo del dipinto, nella sua semplicità, si accorda con la straordinaria sintesi espressiva che è il tratto distintivo dell’artista, capace di racchiudere in un solo sguardo un’anima, una storia, una vita intera.”


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Il potere sottile e misterioso della seduzione nel dipinto di Claudia Salvadori dal titolo “Sherazade”

Claudia Salvadori – Sherazade – tecnica mista 40 x 50.

“In questo dipinto la luce, le cui potenzialità vengono come sempre magistralmente sfruttate al massimo dall’artista, svolge la consueta funzione rivelatrice, permettendoci di mettere a fuoco le forme di una figura femminile la cui misteriosa sensualità trabocca delicatamente, restando appena accennata. Il manto vellutato dei drappeggi scuri che avvolgono il petto e il capo della donna si unisce ai bagliori splendenti che riscaldano la pelle: un riferimento, presente anche nel titolo del dipinto, alla segretezza della notte e delle sue lusinghe, ma anche alla complessità dell’universo femminile, oscuro e denso come un oceano impenetrabile, e insieme luminoso come uno scrigno di tesori che rivela la sua bellezza solo ad alcuni, obbedendo ai sussurri del cuore e all’intima necessità di vivere la propria sessualità con indipendenza.
Questa figura di donna, le cui connotazioni esotiche e orientaleggianti ci ricordano le seducenti suggestioni delle odalische di Ingres, è permeata da un erotismo lieve e delicato, che trova nel gesto delle mani, nell’inclinazione del volto e nello sguardo obliquo e incastonato dalle lunghe ciglia, la raffigurazione di una sensualità preziosa e sussurrata nell’oscurità. All’immaginazione dell’osservatore viene evocata l’immagine di una notte fiabesca riscaldata dagli incontri segreti degli amanti, e profumata da intense fragranze che restano indelebili sulla pelle, svelata nella sua perfetta bellezza e subito dopo ricoperta dal manto discreto del silenzio.”


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .