Luisa Schirru – Sinergie vitali

Banana Yoshimoto in the garden, acrilico su legno, 55×55.

La passione di Luisa per il giardino, luogo mitologico, riecheggia nel pensiero e nelle opere dell’artista. Una passione scaturita dall’imprinting famigliare da parte del nonno e del padre che erano soliti portarla nei giardini.
Riecheggiano nell’opera Banana Yoshimoto in the Garden i profumi dei fiori, i rumori delle fronde e degli animali che si celano fra i colori scaturiti dal forte impatto emotivo che Luisa addensa mediante il colore.
L’artista definisce questa esplosione sensoriale come un “Paradiso in terra”, un Eden che ella cela nel suo animo.
Osservando le gradazioni cromatiche avvertiamo il calore del sole, il rumore del vento fra le foglie, la bellezza dei fiori che percepiamo quasi centrali nell’opera.
Luisa riesce a fondere diverse componenti sinestetiche che danno vita ad un’esplosione extrasensoriale, riportando il fruitore in quel tripudio di sensazioni immergendolo nelle cromie dell’opera stimolando i cinque sensi.

Pensiero lavico, olio su cartoncino, 13×17,5.

Il bianco e l’azzurro ci consentono di accedere all’opera, oltre ad essere fonte di luce essi richiamano anche la quiete e la serenità di quel paradiso floreale raccontato da Luisa.
Le opere pittoriche dell’artista risvegliano i sensi del fruitore che si fa guidare dalla propria sensibilità come emerge nell’opera Suono denso, parte della serie Sinestesie.
Forte è il richiamo alle scale armoniche del suono che viene incarnato dai colori come veicolo delle emozioni umane.
Le sensazioni della Schirru emergono fluide nelle campiture di colore, cromatismi intensi e contrastanti evocano i suoni delle scale minori armoniche del pianoforte, caratteristiche per l’innalzamento della settima alzata di un semitono, incarnata dalle campiture di colore verticali.
Luisa riesce a far innalzare lo spettatore in una scala di pensiero che supera la materia pittorica, indagando tramite i cromatismi sulla percezione, in questo caso, musicale della realtà. Seppur contrastanti e dal forte impatto emotivo, i colori non si confondono ma restano neutri al fine di guidare l’osservatore in un viaggio verso il proprio Io inconscio.
Ancora un’altra passeggiata fra le emozioni guidati dall’opera Pensiero lavico.
Il colore si fa portavoce di emozioni profonde, le sensazioni guidano la mano dell’artista coinvolgendoci in una narrazione profonda verso la conoscenza del sé.
Sono pensieri che si aggrovigliano, si susseguono e si incastrano gli uni agli altri. Il colore forte, quasi inciso sul supporto diventa il veicolo dell’emozione che, come lava, fuori esce dall’animo di Luisa ed esplode nell’animo di chi osserva.

Suono denso, olio su cartoncino, 10×13.

Osservando la composizione ricorda proprio il magma del vulcano che fuoriesce in seguito all’eruzione. Una narrazione coinvolgente e multisensoriale che stimola i cinque sensi del fruitore. Il gesto pittorico di Luisa è irruento ma allo stesso tempo rispettoso della libera interpretazione del fruitore.
L’artista, con la serie di opere delle Sinestesie, induce l’osservatore a sentirsi parte della composizione artistica perdendosi fra le cromie sensoriali, alla scoperta di quel riflesso delle proprie suggestioni.

di Elisabetta La Rosa


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .