ITALIANI BRAVA GENTE? A due a due

ITALIANI BRAVA GENTE? A due a due

Beviamo senza sapere
A due a due
Prendiamo la vita all’uscita
A due a due
Battiamo forte sulla faccia
Quando la luce si spegne
A due a due
Lacrime saline scendono
a cercare il cuore
A due a due
Tiriamo a riva umani dal mare
Senza reti solo gomma
A due a due
Una mano regge il drappo
L’altra lo cuce fiera
Perché per una volta
Non occorrano scarpe per scappare
Ma un solo stivale per restare. (poesia di Ciro Califano)

ITALIANI BRAVA GENTE? A due a due

Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Il tempo ai tempi del Corona Virus. di Letizia Turrà

Femme qui regarde la mer, lang=”fr” Femme qui regarde la mer

Difficile schiodarmi dal letto, ultimamente i miei ritmi sono sballati. Vado a letto alle 2 di notte, dopo aver sentito notizie per nulla tranquillizzanti.

Qui nella zona rossa la paura è tanta da oltre un mese. Da circa quattro giorni non usciamo dall’ultima volta perché le uscite sono contingentate. “Un membro per famiglia”, dicono, così ci siamo dovuti tutti uniformare. Un nuovo assetto: segni bene su un foglio quello che manca in casa, nessun lusso (dimenticati le patatine, il succo di arancia Bio, le cazzatelle che ti compri di solito). Qui siamo in una situazione di emergenza, lo stipendio deve bastare da qui, fino a data da destinarsi.

Dicevo. O forse sarebbe meglio dire (o scrivere) scrivevo…sveglia 7.47, la seconda ambulanza giunge a ricordarmi che mi devo svegliare, svegliare davvero.

Le bambine dormono, ultimamente dormono tanto, proprio come ho fatto io finora.
La luce del bagno, fioca, contrasta le mie iridi.
Fuori il sole.
Mi sciacquo il viso.
Mi lavo dappertutto.
Mi lavo i denti.
Mi trucco leggermente.
Cambio la maglietta.

Rimetto i pantaloni del pigiama. Perché non vado a lavorare. Da oggi lavoro da casa.

Sarà sufficiente che cambi solo i pantaloni, nessuno mi vedrà. Non sapranno se sono struccata o meno, se sono presentabile, se mi sono pettinata.

Le giornate, seppure lunghe, molto più lunghe di quanto ti aspetti, sono serrate.

Le cose in casa da fare sono tante, i compiti vengono assegnati a valanghe settimanalmente e ti ritrovi improvvisamente avviluppato dal mondo scolastico, del quale prima poco ti interessavi, perché ciascuno di noi ha il suo mestiere, ed è giusto così.

Ci sono le video lezioni, i compiti su dieci dispositivi diversi tutti da scaricare (lo ammetto, me ne perdo qualcuno per strada, e penso di non essere la sola).

Ci sono gli incontri di lavoro, le riunioni con i capi a distanza.

Ci sono le video chiamate con i parenti di cui non ricordavi quasi neppure più l’aspetto.

Ci sono i flashmob con gente che canta, suona, applaude, mangia, sbraita sul balcone.

Improvvisamente ti ritrovi a voler condividere un quotidiano con altre persone, tipo i vicini, dei quali prima non ti importava nulla. E non perché non gli volessi bene o perché non ti interessasse, semplicemente non avevi il tempo né la possibilità di guardare fuori dalla porta. Perché a casa non c’eri mai; non c’eri per le cose quotidiane; non c’eri per una telefonata; non c’eri per un amico che aveva bisogno di una parola di conforto.

DICIAMOCELO: Non c’eri nemmeno per TE!!

Ed ora abbiamo tempo in quantità. Tempo per leggere, scrivere, salutare il vicino, chiamare, piantare semini nell’orto, guardare un film, affacciarci al balcone per cantare (e magari, finalmente imparare) l’inno di Italia, lavorare da casa, fare i compiti da casa, cucinare studiando a fondo le ricette di Gualtieri Marchesi, videochiamare tutti quelli che hai perso dagli anni ’90.

Tempo a volontà, tempo da scorpacciare come se non ci fosse un domani. Tempo per chi non aveva tempo.

Tempo che bramavamo da tempo.

CHE MERAVIGLIA, non trovate?

Eppure ci sono istanti in cui mi piacerebbe tornare indietro a quando non avevo tutto questo tempo per abbracciare la mia famiglia e cucinare i miei manicaretti, oppure a quando non riuscivo ad aggiornare questo Blog come avrei voluto perché soffocata dalla mia quotidianità. Mi manca il mare con tutta la bellezza da guardare; un panino divorato fuori tra la gente in Corso Vittorio Emanuele, a Milano; mi manca fare un bel giro in una libreria piena di chicche letterarie; mi manca un tour nei musei, o visitare una mostra; mi manca fotografare e farmi fotografare. Mi sento quasi un’ingrata a rivolere indietro quei momenti che non mi facevano apprezzare tutto questo.

Così ora deglutisco mandando dritti in fondo allo stomaco i pensieri futili, e penso che sono felice di questo tempo che (purtroppo) durerà a lungo, per tutti noi. Mi scende una lacrima quando penso a tutti quelli che se ne sono andati, o a quelli che lottano per la vita attaccati a un respiratore, o agli infermieri e al personale medico, veri EROI di questo famigerato TEMPO.

Torno a lavorare, e vi lascio un sorriso, anzi, una canzone. Un modo, forse il solo, di dire addio alla tristezza.

Che di tristezza è pregno questo tempo, ed io non ne voglio sentir parlare.

Vi abbraccio, stretti.

Fonte il Blog di Letizia Turrà


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Ivana Cocchi: L’essenza della femminilità

Ivana Cocchi: L’essenza della femminilità “Il mondo alle spalle” olio su tela 50×70

Pennellate vigorose e colori vivaci per una figura che si stà allontanando dallo spettatore
come se dicesse
pensa ciò che vuoi, a me non interessa.
Emerge dallo sfondo, si mescola ai colori stessi, il movimento del corpo è sinuoso e provocante
ci attira consapevole di volerci respingere
e le pennellate veloci, cariche di luce e materiche, come se il profilo della figura stesse già svanendo,
come se la donna fosse il fantasma di quella femminilità che non ci è dato avvicinare se non con il solo desiderio.
Ivana rappresenta in pieno la vitalità dei colori degli Impressionisti, con accostamenti cromatici che colpiscono lo sguardo e la forza espressiva, la carica emotiva e gestuale degli Espressionisti
ma in più parla della donna.
Una donna di oggi, sicura di sé, spavalda e provocatrice
eterea e sfuggente
L’essenza stessa di tutte le donne.

di Alessandra Altieri


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Silvia Grassi : La forza della speranza

Silvia Grassi : La forza della speranza

Molto spesso quando la vita fa schifo e devi affrontare situazioni emotive impegnative, fare arte è proprio ciò che può farti uscire dal buco. Non occorre la perfezione della tecnica, purchè si riesca ad essere onesti con se stessi.
E Silvia Grassi lo fa.
In queste opere, la ricerca della luce è la speranza, il nero del suo presente e delle sue sofferenze in contrasto con l’azzurro, la via lattea e l’aurora,
sono la forza con cui lei si contrappone ad un destino che invece la vorrebbe schiacciata dagli eventi.
E’ una donna positiva e ottimista nonostante tutto e la sua personalità emerge anche dal labirinto che si,
è un ingarbuglio di forme e segni, geometrie scomposte come un puzzle senza immagine,
ma è colorato, allegro, vivace.
E’ il mondo visto con gli occhi della speranza.

di Alessandra Altieri


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .

Stefania Casadei: Geometrie esistenziali

Stefania Casadei: Geometrie esistenziali

Guardo quest’opera e il primo pensiero è RIGORE.
Pulizia della tecnica, cromia ricca di contrasti, ricerca dello spazio anche attraverso lo stesso supporto;
Lucio Fontana ci ha insegnato ad andare oltre la dimensione offerta dalla tela e Stefania in quest’opera sovrappone più tele ad un supporto in legno, creando pieni e vuoti in perfetta armonia.
Dalle geometrie di Mondrian allo “Spazialismo” degli anni 50′ è questo il percorso che le opere di Stefania ci raccontano, attraverso una ricerca del colore del tutto personale, equilibrio cromatico e studio dei materiali, le sue composizioni riescono a darci la terza dimensione pur trattandosi di stesure di colore piatte ed uniformi,
non c’è movimento, ma riflessione
non c’è parola, ma silenzio.

di Alessandra Altieri


Richiedi visibilitá sul nostro sito e sui nostri canali social !

Elenco degli artisti & Designer presenti sul sito .